Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘fellini’

La spiaggia è da sempre il luogo dove i tabù si affievoliscono, e dove è concesso mostrarsi più scollacciati di come normalmente si andrebbe in giro (salvo qualche raro caso di esibizionismo urbano). In questo luogo dove la trasgressione diventa tradizionale, si scatenano gli ormoni di “masculi” più o meno repressi. Questi giovini dalle tecniche di approccio più improbabili sono noti con il nome di “nuovi vitelloni”. Perduto il fascino che avevano gli scavezzacollo immortalati da Fellini ne “I vitelloni”, del termine mantengono l’animalesca portanza e lo sconclusionato vagare per la riviera romagnola.

L’identikit del “neo-vitellone” è facilmente riconoscibile. La sua muscolatura spasmodica è esibita all’esasperazione, come sudato trofeo di un inverno rinchiuso in palestra a “pompare”. La carnagione è del colore di quella dei nativi della fascia equatoriale dell’Africa, pur essendo il vitellone italianissimo, come la bufala. Fondamentale è anche “l’occhiale” da sole, che, grande il triplo di una montatura normale, ricopre l’intera metà superiore del cranio ed è indossato perennemente a prescindere dal fatto che sia giorno o notte. Categorica anche la scelta della macchina, o un suv enorme ed imparcheggiabile, che si arrampica sulle dune e occupa una variabilmente due o tre posti macchina, oppure una macchina piccolissima, solitamente mini o 500 (nuovo modello per carità!), forse per far risaltare meglio lo spessore del braccio fuori dal finestrino. Se avvistate un “neo-vitellone”, fate attenzione! Tenevi alla debita distanza di sicurezza, con le ragazze fa la mano morta, e con i ragazzi invece ci va con la mano pesante… 

Annunci

Read Full Post »