Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘voto’

Saru solettu

Saru solettu

La Sardegna

è affondata. Il non-partito ha vinto anche lì. Stravinto. Soru, il leader del Pd che ha da anni una politica ambientale intraprendente e molto simile quella di Obama (ma certe cose se le dici aldilà dell’oceano sono bellissime, ma se le dici in Italia sono fuori luogo) è stato battuto da Cappell… Cappellini…Capallazzi… Cappellacci! Chi?! Chi cazzo è Cappellacci? Chi lo ha mai sentito nominare questo Mister Nessuno? Di Mr.Nessuno si sa solo che era il commercialista di Berlusconi e che è stato indagato per la truffa della “Cisi”. Insomma il poco che si sa gioca pure contro di lui.

 

 

 

Ma allora perché ha vinto? La gente non ha votato Mr. Nessuno, non ha votato per il PdL – che non esiste -, né per Forza Italia – che non è mai esistita -, ma ha votato Berlusconi. Il premier che per due mesi ha abbandonato l’Italia per fare un comizio elettorale continuo e ininterrotto in Sardegna, nella sua residenza estiva. Mr. Nessuno non è altro che una declinazione del Cavalier B., anzi è solo il riflesso in uno specchio del sorridente e smargiasso imprenditor-president-milan-mediaset-mondador-milano2-miconsenta-silvioB. Certo le serpi in grembo al PD, che hanno fatto cadere la precedente giunta, non hanno aiutato, ma perché? Soru, uno dei migliori politici (non dell’isola, ma della penisola), con le idee più innovative, un uomo che aveva capito come poter fare del bene alla Sardegna, che vive di natura e turismo, è stato messo in disparte. Ora ha inizio l’era del cemento, nell’isola-casa-di-villeggiatura del President. Cavalier. Silvietto B. e delle sui lacché Mr.Nessuno.

Annunci

Read Full Post »

Si torna a scuola. Ricominciano compiti, interrogazioni, note sul registro, giustificazioni, malattie ingiustificate, cani che mangiano i compiti,… ma i veri problemi della scuola non sono questi. Non sono neanche professoresse isteriche, non sono nemmeno i bidelli scorbutici, i presidi assenteisti o gli studenti somari. La vera piaga della scuola sono i genitori “scassa”.

“Quanto hai preso!? Perché cosi poco!? Ah ma domani vado io dal professore e mi sente?!”  Madri infuriate si scagliano contro professori inermi assetate di sangue come avvoltoi sulle carcasse. Un semplice “7 –” anziché “7 +” può diventare causa di un debello destinato a protrarsi negl’anni. Se il figlio va male è colpa dell’insegnate, se il figlio non sa la differenza tra Manzoni e Manzotin è colpa dell’insegnate, e se il figlio è bocciato…quella è “stracolpa” dell’insegnate! Perché dovete sapere cari lettori che la professoressa ce l’ha a morte con suo figlio, l’ha preso in antipatia fin dai primi giorni, se la prende sempre con lui, quando copia se la prende con lui, quando scrive sms con la formazione del fantacalcio durante la lezione se la prende con lui, quando scassina la macchinetta delle lattine in corridoio se la prende con lui, gli da contro persino quando dà fuoco al crocifisso nei bagni! I genitori più angustiati sono quelli ossessionati dalla mediocrità. Che il figlio del proprio seme sia uno normale, nella media, proprio non gli va giù. Deve prendere almeno un voto in più del vicino di banco, due in più di quelli dell’ultima fila. Sennò poi le altre mamme cosa dicono?!?

La sproloquiante madre assassina nel migliore dei casi riesce a isolare il figlio/a dal resto della classe rendendolo un riconoscibile perseguitato, anche perché per chiedergli qualcosa bisogna prima passare da mamma. Nel peggiore dei casi il ragazzo tallonato dalla madre piedi piatti scapperà di casa verso terre lontane e calde oppure strangolerà la madre con una bretella dello zainetto.

Il professore, invece, sotto consiglio del suo analista che “non ce la faceva più a vederlo così”, aumenterà, suo malgrado, il voto al figlio della bestia di satana dandola così vinta alla genitrice avvoltoio che potrà spiccare il volo verso un nuovo professore-preda su cui affondare gli artigli. Tutti vissero così felici ed irritati.

Read Full Post »